Reti energetiche

Browse

La disponibilità efficiente di energia elettrica e la diversificazione delle fonti energetiche verso una transizione post-fossili è un obiettivo strategico in qualunque sistema produttivo moderno, sia dal punto di vista economico che da quello ambientale e sostenibile.

Per questo motivo la Regione Sardegna, come anche ribadito nel Piano Energetico Ambientale Regionale (PEARS) si pone l’obiettivo di assicurare:

  • la stabilità e la sicurezza della rete elettrica tramite un rafforzamento considerevole delle infrastrutture energetiche;
  • l’adeguamento del sistema energetico per renderlo funzionale al sistema produttivo regionale;
  • la diversificazione delle fonti energetiche per assicurare un approvvigionamento efficiente;
  • la diminuzione della dipendenza dai prodotti petroliferi, la garanzia della compatibilità degli interventi e delle azioni del sistema energetico con la salvaguardia ambientale e l’armonizzazione delle strutture delle reti dell'energia.

La rete energetica regionale, gestita da Terna Spa, deve essere in grado quindi di garantire la corretta trasmissione dei flussi energetici sia verso l’utenza finale regionale, sia in connessione con la rete elettrica nazionale.

L’interconnessione con la rete elettrica nazionale per i flussi energetici bidirezionali è garantita da due cavi sottomarini, il Sa.Co.I. (Sardegna-Corsica-Italia), e dal più recente e performante Sa.Pe.i. (Sardegna-Penisola italiana). Un terzo cavo sottomarino (Sar.Co.) gestisce i flussi energetici fra la Sardegna e la Corsica.

Sul tema delle nuove tecnologie applicate alla sostenibilità in campo energetico si sta sviluppando una intensa attività di ricerca da parte delle Università e dei centri di ricerca pubblici.

Stante l’insularità, la ventosità e le temperature medie annue trovi in Sardegna le condizioni favorevoli per un saggio sfruttamento delle Fonti di Energia Rinnovabile.

Per consultare i dati completi sul sistema energetico regionale clicca qui

Aggiornato il 22/04/2020