Bando Territoriale “Anglona-Coros, Terre di tradizioni” - Competitività per le MPMI (T1)

Browse
Oggetto del bando

La finalità del Bando è favorire l’aumento della competitività delle micro, piccole e medie imprese (MPMI) dell’Anglona-Bassa Valle del Coghinas e del Coros con il sostegno agli investimenti materiali e immateriali nei settori dei servizi al turismo e ricettività e delle produzioni tipiche.

Oggetto del Bando è il sostegno ai Piani di creazione e sviluppo d'impresa costituiti da una o più delle seguenti tipologie di spesa:

- Investimenti produttivi (IP)

- Servizi (S)

- Formazione (F)

- Capitale circolante (CC).

Sono ammessi i piani relativi a unità produttive localizzate nei comuni di Bulzi, Chiaramonti, Erula, Laerru, Martis, Nulvi, Osilo, Perfugas, Santa Maria Coghinas, Sedini, Tergu, Cargeghe, Codrongianos, Florinas, Ittiri, Muros, Olmedo, Ossi, Ploaghe, Putifigari, Tissi, Uri, Usini.

Spese ammissibili
Investimenti produttivi (IP), Servizi (S), Formazione (F), Capitale circolante (CC)
Macrosettore
Industria, Servizi, Turismo
Data di scadenza dell'agevolazione
(a sportello)
Soggetti ammissibili

Possono presentare la domanda a valere sul presente Bando le Micro, Piccole o Medie imprese (MPMI), operative che intendano realizzare un piano per lo sviluppo aziendale sul territorio facente parte dell’Anglona - Coros.

Sono ammessi i settori produttivi di seguito indicati sulla base dei codici ATECO 2007:

(C) ATTIVITÀ MANIFATTURIERE 

10.71.10 - Produzione di prodotti di panetteria freschi 

10.71.20 - Produzione di pasticceria fresca 

10.72.00 - Produzione di fette biscottate, biscotti; prodotti di pasticceria conservati 

10.73.00 - Produzione di paste alimentari, di cuscus e di prodotti farinacei simili 

10.85.05 - Produzione di piatti pronti a base di pasta 

11.0 - Industria delle bevande (limitatamente alle attività coerenti con il Progetto di Sviluppo Territoriale)

(H) TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO 

49.39.09 - Altre attività di trasporti terresti di passeggeri nca

52.10.10 - Magazzini di custodia e deposito per conto terzi

52.10.20 - Magazzini frigoriferi per conto terzi

(I) ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE

(N) NOLEGGIO, AGENZIE DI VIAGGIO, SERVIZI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE

77.11.00 - Noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri

77.21.01 - Noleggio di biciclette

77.21.09 - Noleggio di altre attrezzature sportive e ricreative

77.35.00 - Noleggio di mezzi di trasporto aereo

79.11.00 - Attività delle agenzie di viaggio

79.12.00 - Attività dei tour operator

79.90.11 - Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d'intrattenimento

79.90.19 - Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio n.c.a.

79.90.20 - Attività delle guide e degli accompagnatori turistici

82.92.10 - Imballaggio e confezionamento per conto terzi di generi alimentari

82.92.20 - Imballaggio e confezionamento per conto terzi di generi non alimentari

(P) ISTRUZIONE

85.51.00 Corsi sportivi e ricreativi

85.52.09 Altra formazione culturale

(R) ATTIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATTENIMENTO E DIVERTIMENTO

90.01.01 - Attività nel campo della recitazione

90.01.09 - Altre rappresentazioni artistiche

90.02.01 - Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli

90.02.02 - Attività nel campo della regia

90.02.09 - Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche

90.03.09 - Altre creazioni artistiche e letterarie

90.04.00 - Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche

91.02.00 - Attività di musei

91.03.00 - Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili

91.04.00 - Attività degli orti botanici, dei giardini zoologici e delle riserve naturali

93.11.20 - Gestione di piscine

93.11.30 - Gestione di impianti sportivi polivalenti

93.11.90 - Gestione di altri impianti sportivi nca

93.19.10 - Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi

93.19.99 - Altre attività sportive nca

93.19.92 - Attività delle guide alpine

93.21.00 - Parchi di divertimento e parchi tematici

93.29.10 - Discoteche, sale da ballo night-club e simili

93.29.90 - Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca

96.04.20 - Stabilimenti termali

Progetti finanziabili

Oggetto dell'intervento è un Piano di sviluppo d'impresa organico e funzionale, finalizzato allo sviluppo o al riposizionamento competitivo e adattamento al mercato che privilegi l’introduzione di soluzioni innovative sotto il profilo organizzativo, produttivo o commerciale.

Gli interventi pervisti dal Piano devono essere coerenti con una o più̀ delle seguenti azioni del POR FESR Sardegna 2014-20: 

Azione 3.3.1 - Sostegno al riposizionamento competitivo, alla capacità di adattamento al mercato, all’attrattività per potenziali investitori, dei sistemi imprenditoriali vitali delimitati territorialmente. Le operazioni finanziabili consistono in misure di aiuto per imprese, nella qualificazione dell’offerta di servizi anche infrastrutturali di supporto alla competitività delle imprese esistenti e all’attrazione di nuove attività, nel rafforzamento di presidi formativi e di istruzione tecnica, nell’adeguamento delle competenze dei lavoratori ai fabbisogni emergenti anche da nuove opportunità di mercato, interventi nella creazione di nuova occupazione anche di tipo autonomo.

Azione 3.3.2 - Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali e naturali del territorio, anche attraverso l’integrazione tra imprese delle filiere culturali, turistiche, sportive, creative e dello spettacolo, e delle filiere dei prodotti tradizionali e tipici.

L’investimento previsto dal piano deve essere configurabile come un "investimento iniziale" e deve ricadere in una delle seguenti fattispecie:

a) la creazione di una nuova unità produttiva;

b) l’ampliamento della capacità di un'unità produttiva esistente;

c) la diversificazione di un'unità produttiva esistente, intesa:

  • per gli interventi in esenzione (art. 14), quale diversificazione della produzione per ottenere prodotti che non rientrano nella stessa classe (codice numerico a quattro cifre) della classificazione delle attività economiche ATECO 2007 dei prodotti fabbricati in precedenza;
  • per gli interventi in esenzione (art. 17), quale diversificazione della produzione per ottenere prodotti mai fabbricati o servizi non forniti precedentemente;
  • per interventi in “de minimis”,quale diversificazione della produzione finalizzata al miglioramento di prodotti o servizi forniti precedentemente; 

d) la ristrutturazione di un'unità produttiva esistente, intesa: 

  • per gli interventi in esenzione, ai sensi dell’ art. 14, quale cambiamento fondamentale del processo produttivo esistente attuato attraverso l'introduzione di un nuovo processo produttivo o l'apporto di un notevole miglioramento al processo produttivo esistente, in grado di aumentare il livello di efficienza o di flessibilità nello svolgimento dell'attività economica oggetto del programma di investimento, valutabile in termini di riduzione dei costi, aumento del livello qualitativo dei prodotti e o dei processi, riduzione dell'impatto ambientale e miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro;
  • per gli interventi in esenzione, ai sensi dell’ art. 17, quale trasformazione radicale del processo produttivo esistente attuato attraverso l'introduzione di un nuovo processo produttivo o l'apporto di un notevole miglioramento al processo produttivo esistente, in grado di aumentare il livello di efficienza o di flessibilità nello svolgimento dell'attività economica oggetto del programma di investimento, valutabile in termini di riduzione dei costi, aumento del livello qualitativo dei prodotti e o dei processi, riduzione dell'impatto ambientale e miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro;

e) l’acquisizione di un'unità produttiva esistente, di proprietà di un'impresa non sottoposta a procedure concorsuali, intesa quale acquisizione degli attivi di un'unità produttiva chiusa o che sarebbe stata chiusa in assenza dell’acquisizione, al fine di garantire la salvaguardia, anche parziale, dell'occupazione esistente. Il progetto di investimento non può riguardare l'acquisizione delle quote dell'impresa e gli attivi devono essere acquisiti, a condizioni di mercato, da un investitore che non ha relazioni con il venditore. 

Il valore del piano oggetto di aiuto è compreso tra 15.000 e 150.000 euro di costi e spese ammissibili, al netto di IVA. Pertanto il piano può comprendere spese non ammissibili qualora siano necessarie a garantirne l’organicità e la funzionalità.

Il piano comprende Investimenti produttivi (IP), Servizi (S) e Formazione (F). Non è ammissibile un piano senza Investimenti produttivi (IP).

Agevolazione concessa

Per la realizzazione del Piano sono previsti:

- una sovvenzione a fondo perduto (contributo) calcolato in base alla dimensione dell’impresa beneficiaria e dei Regolamenti comunitari applicati, calcolato sul valore dei costi e spese ammissibili, escluso il capitale circolante. 

- un finanziamento pubblico a condizioni di mercato e/o finanziamenti a condizioni privilegiate nelle seguenti modalità:

  • Finanziamento pubblico diretto, a condizioni di mercato, fino al 50% del valore del piano per la creazione di impresa o sviluppo aziendale con il Fondo Competitività;  
  • Finanziamento fino al 100% del piano presentato sulla base dell’Accordo di collaborazione tra la Regione Autonoma della Sardegna e la Commissione regionale ABI della Sardegna per agevolare gli investimenti nell’ambito della Programmazione Unitaria 2014-2020 e del POR FESR Sardegna 2014-2020.

La copertura finanziaria del piano al 100%, deve essere attestata con idonea documentazione in sede di domanda, pena il rigetto della domanda, e comprovata prima dell’adozione del provvedimento di concessione provvisoria, pena la decadenza della domanda. La copertura finanziaria può avvenire a scelta dell’impresa proponente con una o più delle seguenti modalità:

- Mezzi propri e/o finanziamenti di terzi, compresi gli investimenti coperti con il leasing, in una forma priva di qualsiasi sostegno pubblico, in misura obbligatoria non inferiore al 25%;

- Finanziamenti di terzi, compresi gli investimenti coperti con il leasing, a copertura del fabbisogno finanziario;

- Finanziamento del Fondo Competitività, che può intervenire nella misura massima del 50% del fabbisogno finanziario.

La sovvenzione a fondo perduto è annoverabile tra le fonti per la copertura finanziaria del piano nel limite della quota erogabile in corso di realizzazione dell’intervento.

Termini

Le domande possono essere presentate dalle ore 12:00 del 02/04/2019. 

Il caricamento e validazione delle stesse potranno effettuarsi dalle ore 10:00 del 01/03/2019 fino al 30/06/2019

Spese ammissibili

Il piano può comprendere Investimenti produttivi (IP), Servizi (S), Formazione (F) e Capitale circolante (CC). 

Di seguito è indicata la percentuale della singola voce di spesa rispetto al valore complessivo del piano o il valore massimo nel caso di Spese gestione: 

Investimenti produttivi (IP)– 100% Max sul totale del valore del piano

Servizi (S)- 30% Max sul totale del valore del piano

Formazione (F)- 30% Max sul totale del valore del piano

Capitale circolante (CC)- 20% Max sul totale del valore del piano

Procedura

La domanda deve essere presentata entro i termini stabiliti dall’Avviso utilizzando esclusivamente l’apposito sistema informatico disponibile della Regione Autonoma della Sardegna ai seguenti indirizzi: 

-  www.regione.sardegna.it 


-  www.sardegnaprogrammazione.it. 


La domanda di accesso si compone della seguente documentazione: 

-  modulo di domanda predisposto dal sistema informatico Sipes; 


-  allegati obbligatori indicati come da bando.


In particolare è richiesto al proponente di accedere alla specifica sezione del sistema SIPES, individuare il bando a cui intende partecipare, compilare le sezioni richieste, allegare la modulistica compilata (reperibile sul sito internet della Regione Autonoma della Sardegna), la documentazione obbligatoria (es. preventivi e bilanci) e procedere alla registrazione. 


All’atto della registrazione viene inviata all’indirizzo PEC indicato dal proponente la conferma dell’avvenuta registrazione e un codice di convalida da utilizzare per la successiva presentazione entro i termini indicati dall’Avviso. La presentazione si completa solo con l’inserimento del codice di convalida, che determina l’ordine di avvio ad istruttoria. Il mancato inserimento del codice di convalida entro i termini di chiusura del bando determina la decadenza della domanda. 


Le domande possono essere presentate fino al 30/06/2019 salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse, che verrà comunicata dall’Amministrazione Regionale sul sito istituzionale e di cui ne verrà data notizia sul portale SardegnaImpresa. 


Criteri di valutazione

La valutazione si intende positiva se viene raggiunta la soglia minima di punteggio di 79:

39 punti nella verifica Priorità trasversali e Valutazione tecnico-economico-finanziaria

- 20 punti nella Valutazione di coerenza programmatica con il POR Sardegna 2014-20 Azioni 3.3.1 o 3.3.2 (Allegato 1 “Criteri di coerenza programmatica”)

- 20 punti nella coerenza programmatica con l’Accordo di Programma Quadro Progetto di Sviluppo

Territoriale (PST)- PT-CRP 15/INT “Anglona-Coros, terre di tradizioni” (Allegato 1 “Criteri di coerenza programmatica”)

Dotazione finanziaria
La dotazione complessiva del bando è di euro 2.000.000, suddivisa tra il bando NI / T1 – T1